articoli-ANNA LUANA TALLARITA

ANNA LUANA TALLARITA

Antropologa

EDU02022014110











 

Laureatasi a Siena per la prima laurea, poi in filosofia e industrial design, fino al dottorato in archeologia e architetture, sotto la guida del suo mentore l'antropologo prof.Squillacciotti e con il Prof LiCausi, Anna Luana è un'antropologa ed etnologa. Con successivi studi in antropologia forense e criminologia. Che scrive e viaggia in lungo e largo per l'europa. sue tematiche prescelte sono la presenza dell'essere umano nello spazio. Gli oggetti che crea per manifestare la sua presenza nel monto percepito. E poi l'analisi di questi oggetti. Dagli oggetti di potere a quelli di design. Un percorso di studi e ricerca complesso. Da cui sono venuti alla luce articoli scientifici e libri, ricerche che proseguono tuttoggi e che motivano anche i lui lavori fotografici. Che sono stati pubblicati in vari testi. In Portogallo e Brasile.

ARTICOLI SCIENTIFICI:

La Spazialità del Potere: 
http://www.cta.ipt.pt/download/OIPDownload/n4_agosto_2015/OIP_AGO_2015.pdf

Red : http://www.cta.ipt.pt/download/OIPDownload/n5_Dezembro_2015/OIP_5_DEZ_2015.pdf

Spazio, Azione e Comportamento: 
http://www.cta.ipt.pt/download/OIPDownload/n6_julho_2016/ideariopatrimonial_JUL_2016.pdf

IL PATRIMONIO CULTURALE: http://www.cta.ipt.pt/download/OIPDownload/ideario_JULHO_7.pdf

MEDIUM DI POTERE : http://www.cta.ipt.pt/download/AntropeDownload/Antrope_6_JULHO_9.pdf
http://www.cta.ipt.pt/download/OIPDownload/n9_dezembro_2017/OIP_9_DEZ_Editorial.pdf

Il Concetto di Spazio-Ambiente negli Studi sulla Prossemica :
http://www.cta.ipt.pt/download/OIPDownload/n11_dezembro_2018/artigos/OIP_DEZ_12_2018_98-114.pdf

Apporti di fantasia e intuizione nell’interpretazione della realtà Pg. 189      http://www.cph.ipt.pt/download/OIPDownload/n5_Dezembro_2015/OIP_5_DEZ_2015.pdf 

The meanings of the Red Le significazioni del Rosso: https://re.public.polimi.it/retrieve/handle/11311/1044533/259699/R08_2017_PAPER7.pdf

CONCETTO D'AMBIENTE, PSICOLOGIA AMBIENTALE E PERCEZIONE : https://www.academia.edu/38751381/CONCETTO_DAMBIENTE_PSICOLOGIA_AMBIENTALE_E_PERCEZIONE


SCRITTI
SUL POTERE DELLA VOCE:

Chiunque utilizzi la voce per lavorare.

La voce, è il principale biglietto da visita di chi ha l’uso degli organi preposti alla fonazione in uno stato naturale e sano. Professori e insegnanti, operatori sociali, animatori di comunità, politici e oratori dopo aver parlato a lungo devono avere la consapevolezza di cosa comporti un uso costante della voce. E cercare di eliminare il fasidio nell’emettere i suoni, dopo un uso eccessivo, che potrebbe condurre ad un abbassamento vocale, è importante. Occorre tener presente la correlazione tra gli organi preposti all’emissione vocale, alla respirazione, al ritmo corporeo e al corpo stesso, per avere chiaro come e con quali accortezze oltre che con quali tecniche, usare e avere potere attraverso lo strumento voce. Un discorso più da approfondire e quanto e come utilizzare lo strumento e le infinite possibilità che offre. Per chiunque operi con la voce.  Ma il “biglietto da visita” voce richiede altresì ulteriori caratteristiche. Quali capacità di affascinare all’interno della comunicazione stessa. Convincere, o mantenere alta l’attenzione.  Permettere di dar forza al focus, oppure concentrarsi nella manipolazione comunicativa. E li intercorrono tanto il corpo quanto la voce, la postura l’odore e ulteriori fattori della persona. Se i muscoli preposti a coadiuvare le membrane o corde vocali comiono un lavoro improprio si corre il rischio di incorrere in patologie anche gravi come i noduli. Parlare utilizzando un basso tono della voce utilizzando un suono deciso e chiaro è sempre utile nel caso di classi numerose. Lì l’ascolto supera la tendenza a gridare, che a nulla porta. L’esercizio iniziale richiedeuna certa concentrazione sul respiro  favorendo una tranquillità corporea. Nel processo della Comunicazione il diaframma si tende e vibra in base alle emozioni Un uso scorretto dell’apparato fonatorio può dipendere da fattori fisici o da patologie : posizione dei denti o forma della bocca o del palato la lingua e e i muscoli del viso che non si muovono regolarmente.etc. tutto queto ha ache vedere colcorpo in generale, dalla cervicale all’ affaticamento generale, fino a un’ incidenza psicologica vera e propria.

Parlare in pubblico

leggere a voce alta libro, un giornale, una relazione,facendo un esercizio di monotonalità. La voce con le cadenze e i ritmi giusti, le pause, le parole ben articolate con una precisa coloritura, è una voce che si fa ascoltare le pause sono fondamentali,  senza la pausa non si avrebbe il ritmo, ma solo un suono continuo. Parlare e declamare senza fretta di concludere una frase, un concetto, le parole dette prima e dopo la pausa, acquistano più peso.


 

COMUNICAZIONE EFFICACE

Una comunicazione efficace potenzialmente accresce la capacità di attenzione dinnanzi a chi  riceve accoglie in posizione di ascolto. Pertanto arrivare a utilizzare lo strumento voce e dipanarlo in ogni sua potenzialità contribuisce alla qualità del relazionamento umano, favorendo una consapevolezza delle prorie potenzialità. Inoltre si tenga ben presente che la voce così come le impronte digitali è unica e inimitabile in modo totale per ciascun individuo. Dunque questa sua capacità connotativa così forte dimostra come averne il totale controllo, avere il potere della proria voce, può condurre ad effetti straordinari, nella comunicazinoe, nel canto, nella quotidianità. La voce così si presenta come un biglietto da visita per il corpo. Ma anche delle idee. Attraverso questa l’interiore trova esteriorità. E risuona nel corpo cassa armonica che le è proprio. Un strumento vero e proprio capace inoltre attraverso la capacità di ascolto ,di imitare qualsiasi suono in natura. Suonare la voce per riprendere un’espressione di Demetrio Stratos[1] permette di sviluppare una infinita gamma di emozioni e colori. In tal senso bisogna prepararsi ad accogliere la porpria voce, evitanto di imitare modelli vocali altrui, impedendo alla vera personalità dell’io, di uscire fuori, e facilitando un mascheramento attraverso l’acquisizione di modelli comunicativi o canori altri. Parlare in pubblico necessita di usare un colore e un ritmo precisi. Il cuore della questione è scoprire la voce interioire. Ritornare alla voce interiore, prima di iniziare a lavorare su se sessi e su come e quanto la propria voce possa rappresentarci così come sia necessario, come vocrremmo, o come ci potrebbe far bene e esser più utile e più coerente possibile, all’immagine che vogliamo offrire di noi stessi.


LA VOCE STRUMENTO DEL POTERE
 
È uno strumento di potere, fondamentale per connettersi al pubblico e trasmettere il proprio messaggio oralmente. Chiaramente un numero elevato di tipologie vocali si usano nel corso di un normale iter quotidiano e per chiunque. Tali modalità dovranno essere tenute molto presenti da ogni tipologia di oratori dal vivo o dinnanzi alle telecamere. Tra i fondamentali da come non usare la voce in pubblico chiaramente si ha: l’uso di una voce che trema, l’uso di uno stesso volume, o l’abitudina di non utilizzare mai una pausa, privandola dal pathos atto al discorso pubblico. Ovviamente vi sono tecniche e accortezze utili a evitare tutto questo. Teniamo inoltre presente anche quanti tipi di voce usati in una tua giornata. Riscoprire una voce naturale chiaramente ha a che vedere con una forma di autenticità della voce. Che implica una modulazione naturale ma controllata e atta ad ogni tipo di comunicazione. 

..se fossi un papavero dipinto di acqua e colore...sfuocato...bagnato...guardato..osservato...umido sulla carta..restando all'interno dei cotorni..tutto li sarebbe come deve pur essere...centralechiara resta la parte...l'arancio..segue il bordo esterno di ogni petalo..ci sono ombre al di sotto dei petali...segnano il perimetro...il contorno del mio viso...come lacrime...pennellate scure..aumentano l'effetto del volume..mentre qualche caratteristica macchia dei petali di papavero...mi ha sporcato...la gonna.... al.